Menu
  • Riparto delle Spese

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 6 Civile, Ordinanza 24 aprile 2013, n. 10021

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Responsabilità del Condominio

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 24 aprile 2013, n. 10053

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Sopraelevazione

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 26 aprile 2013, n. 10082

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Decoro Architettonico

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 24 aprile 2013, n. 10048

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Penale

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 4 Penale, Sentenza 28 gennaio 2013, n. 4215

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 3 Civile, Sentenza 22 aprile 2013, n. 9722

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 11 ottobre 2013, n. 23164

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 3 civile, Sentenza 16 aprile 2013, n. 9134

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 3 Civile, Sentenza 9 aprile 2013, n. 8591

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 3 Civile, Sentenza 3 aprile 2013, n. 8095

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Legislazione nazionale

    Decreto del Ministero della…

    Regolamento recante la determinazione…

    Decreto del Ministero della Giustizia 13 Agosto 2014, n. 140

    Regolamento recante la determinazione dei…

    +-
  • Servitù

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 2 maggio 2013, n. 10238

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Usucapione

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 26 aprile 2013, n. 10084

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Servitù

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 26 aprile 2013, n. 10086

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Riparto delle Spese

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 6 Civile, Ordinanza 24 aprile 2013, n. 10021

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
Menu
Federproprietà AbruzzoLegittimazione ProcessualeCassazione Civile, Sezione I, Sentenza 15 dicembre 2011 n. 27074

Cassazione Civile, Sezione I, Sentenza 15 dicembre 2011 n. 27074

Può l'amministratore agire in nome e per conto del condominio ai fini dell'indennizzo ex lege Pinto ?

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. VITRONE Ugo – Presidente -
Dott. DOGLIOTTI Massimo – rel. Consigliere -
Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere -
Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere -
Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 8505/2009 proposto da:

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del Ministro pro tempore, domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;

- ricorrente -

contro

CONDOMINIO (OMISSIS);

- intimato -

nonchè da:

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell’Amministratore pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE DELLE MILIZIE 20, presso l’avvocato ANGELA SAULLE, rappresentato e difeso dall’avvocato ROSITA MORTATI, giusta procura in calce al controricorso e ricorso incidentale;

- controricorrente e ricorrente incidentale -

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA;

- intimato -

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di PERUGIA, depositato il 15/02/2008;
udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del 27/09/2011 dal Consigliere Dott. MASSIMO DOGLIOTTI;
udito, per il ricorrente, l’Avvocato D’AVANZO GABRIELLA (Avvocatura) che aderisce alla rinuncia al ricorso incidentale, non al proprio ricorso;
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CESQUI Elisabetta, che ha concluso per il rigetto del ricorso principale.

Fatto

Con ricorso ritualmente depositato, il Ministero della Giustizia impugnava il decreto della Corte d’Appello di Perugia del 12 novembre 2007, che lo aveva condannato al pagamento di somma in favore di Condominio (OMISSIS), in persona dell’amministratore, quale equa riparazione del danno morale per irragionevole durata di procedimento.

Resiste con controricorso il Condominio, che pure propone ricorso incidentale.

IL Ministero ha depositato memoria per l’udienza.

Diritto

Vanno riuniti i ricorsi ex art. 335 c.p.c..

Va dato atto che il Condominio presenta rituale rinuncia al ricorso incidentale, che pertanto va dichiarato estinto.

Il ricorso principale va accolto.

Di per sè il Condominio, quale ente di gestione, sarebbe legittimato a richiedere risarcimento del danno per durata irragionevole di procedimento. Questa Corte ha peraltro precisato (Cass., n. 25981/09) che la legittimazione ad agire dell’amministratore non sussiste, in mancanza, come nella specie, di apposita delibera assembleare di autorizzazione rispetto ad un’azione che esula dall’ambito delle prerogative direttamente riconosciute all’amministratore stesso, dall’art. c.c.. Va cassato senza rinvio il provvedimento impugnato.

Le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte riunisce i ricorsi; dichiara estinto per rinuncia il ricorso incidentale; accoglie il ricorso principale; cassa senza rinvio il provvedimento impugnato; condanna il resistente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida in Euro 900,00 (novecento) per onorari, oltre le spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 27 settembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 15 dicembre 2011.

Lascia un commento

Inserire un commento

Inserire un nome

Inserire un'email valida

CATEGORIE

Contatti

Tel: 0857993239

Fax:085/7992969

Cell:3383966800

Mail:segreteria@federproprietaabruzzo.it

Indirizzo:Corso Umberto I 423 Moltesilvano(Pescara)

twitter