Menu
  • Nuovi Accordi Territoriali per…

    ACCORDO TERRITORIALE 2018    …

    Nuovi Accordi Territoriali per la stipula dei Contratti di Locazione Concordati per il Comune di Pescara

    ACCORDO TERRITORIALE 2018      …

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 3 Civile, Sentenza 22 aprile 2013, n. 9722

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 11 ottobre 2013, n. 23164

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 3 civile, Sentenza 16 aprile 2013, n. 9134

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 3 Civile, Sentenza 9 aprile 2013, n. 8591

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
Menu
Federproprietà AbruzzoCanone Scalare giurisprudenza LocazioneCorte di Cassazione, Sezione 3 Civile, Sentenza 3 febbraio 2011, n. 2556

Corte di Cassazione, Sezione 3 Civile, Sentenza 3 febbraio 2011, n. 2556

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DI NANNI Luigi Francesco – Presidente Dott. AMATUCCI Alfonso […]

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. DI NANNI Luigi Francesco – Presidente
Dott. AMATUCCI Alfonso – Consigliere
Dott. URBAN Giancarlo – Consigliere
Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere
Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 6371-2007 proposto da:

TE. IT. SPA, (OMESSO), in persona dell’avv. Cu. Al. , elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE BRUNO BUOZZI 107, presso lo studio dell’avvocato DEL PRATO ENRICO ELIO, che lo rappresenta e difende giusta delega a margine del ricorso;

- ricorrente -

contro

DE. SRL, (OMESSO), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FRANCESCO DENZA 27, presso lo studio dell’avvocato PIPERNO PAOLO DAVIDE, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato SIMEONI PAOLO giusta delega a margine del controricorso;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 1596/2006 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA, Sezione 4 Civile, emessa il 04/10/2006, depositata il 31/10/2006; R.G.N. 2582/2004.
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 25/11/2010 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;
udito l’Avvocato ENRICO ELIO DEL PRATO;
udito l’Avvocato PAOLO SIMEONI
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SCARDACCIONE Eduardo Vittorio che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con la sentenza ora impugnata per cassazione la Corte d’appello di Venezia ha riformato la prima sentenza, condannando la Te. It. spa a rilasciare un immobile della soc. De. , sul quale erano stati fissati impianti di telefonia radiomobile, stabilendo la data per l’esecuzione.

Il ricorso per cassazione della Te. It. e’ svolto in quattro motivi. Risponde con controricorso la De. srl.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il primo motivo del ricorso sostiene che la sentenza avrebbe fondato la decisione sulla domanda nuova costituita dal riferimento ad un contrato diverso e precedente (stipulato con la Te. dalla societa’ dante causa della De. ) rispetto a quello (cd. accordo di ospitalita’) che era stato fatto valere in primo grado.

Il secondo motivo censura la sentenza nel punto in cui afferma che la Te. non ha provato che il menzionato accordo abbia novato il precedente contratto di locazione stipulato tra la dante causa della De. e la Te. .

Il terzo ed il quarto motivo censurano la sentenza laddove afferma che, non avendo la Te. offerto la prova di cui sopra, e’ inapplicabile alla fattispecie la Legge n. 392 del 1978, articolo 79, in ragione della quale e’ nulla ogni pattuizione mirante ad attribuire al locatore vantaggi in contrasto con la legge stessa.

I motivi, che possono essere congiuntamente esaminati, sono infondati.

La sentenza ha svolto l’accertamento di merito relativo alla circostanza che la De. ha agito per il rispetto dell’accordo in base al quale la Te. s’era impegnata a rilasciare l’impianto alla pattuita scadenza del (OMESSO) e che siffatta domanda e’ rimasta immutata anche in grado d’appello, dove l’attrice, senza cambiare ne’ petitum, ne’ causa petendi e restando pacifica tra le parti l’esistenza di quel precedente contratto di locazione (tra la dante causa della De. e la Te. ) del quale s’e’ detto prima, ha solo introdotto siffatta pacifica argomentazione. Si tratta di un accertamento di merito riguardante l’interpretazione del contenuto e degli ambiti della domanda che, siccome motivato in maniera congrua e logica, sfugge alla censura di legittimita’.

La sentenza ha pure aggiunto che la Te. , per svolgere una valida eccezione, avrebbe dovuto provare (e non lo ha fatto) che il successivo accordo (limitatosi a ridisciplinare il canone e la scadenza del contratto) avesse avuto portata novativa rispetto all’originario contratto. Affermazione, questa, per un verso adeguata alla consolidata giurisprudenza secondo cui siffatta nuova disciplina del rapporto non e’ di per se’ sintomatica dell’avvenuta stipula di un nuovo contratto e, per altro verso, contenente un accertamento di merito incensurabile in cassazione per le stesse ragioni suddette.

Su questa base la sentenza perviene al nucleo centrale della decisione, fondando su un principio giuridico consolidato nella giurisprudenza e che occorre qui ribadire. Il principio secondo cui in tema di locazione di immobili urbani ad uso diverso da quello di abitazione, i diritti vantati dal conduttore, una volta sorti, sono disponibili e possono essere oggetto di rinunzia, con o senza corrispettivo, a favore del locatore come di un terzo, non ostandovi la tutela di cui alla Legge 27 luglio 1978, n. 392, articolo 79, che e’ volta ad impedire che i diritti vantati dal conduttore siano oggetto di un’elusione di tipo preventivo (tra le tante, cfr. Cass. n. 675/05 – n. 21520/04).

In quest’ordine di idee, il provvedimento impugnato chiarisce che il cd. accordo di ospitalita’, siccome sopravvenuto rispetto all’originario contratto, non puo’ incorrere nella nullita’ sancita dalla menzionata disposizione normativa.

La sentenza, in conclusione, sfugge a censure riguardanti sia la legittimita’, sia la motivazione ed il ricorso deve essere respinto, con condanna della Te. a rivalere la controparte delle spese sopportate nel giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in complessivi euro 3200,00, di cui euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

Lascia un commento

Inserire un commento

Inserire un nome

Inserire un'email valida

CATEGORIE

Contatti

Tel: 0857993239

Fax:085/7992969

Cell:3383966800

Mail:segreteria@federproprietaabruzzo.it

Indirizzo:Corso Umberto I 423 Moltesilvano(Pescara)

twitter