Menu
  • Riparto delle Spese

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 6 Civile, Ordinanza 24 aprile 2013, n. 10021

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Responsabilità del Condominio

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 24 aprile 2013, n. 10053

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Sopraelevazione

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 26 aprile 2013, n. 10082

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Decoro Architettonico

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 24 aprile 2013, n. 10048

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Penale

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 4 Penale, Sentenza 28 gennaio 2013, n. 4215

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 3 Civile, Sentenza 22 aprile 2013, n. 9722

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 11 ottobre 2013, n. 23164

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 3 civile, Sentenza 16 aprile 2013, n. 9134

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 3 Civile, Sentenza 9 aprile 2013, n. 8591

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 3 Civile, Sentenza 3 aprile 2013, n. 8095

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Legislazione nazionale

    Decreto del Ministero della…

    Regolamento recante la determinazione…

    Decreto del Ministero della Giustizia 13 Agosto 2014, n. 140

    Regolamento recante la determinazione dei…

    +-
  • Servitù

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 2 maggio 2013, n. 10238

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Usucapione

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 26 aprile 2013, n. 10084

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Servitù

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 2 Civile, Sentenza 26 aprile 2013, n. 10086

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
  • Riparto delle Spese

    Corte di Cassazione, Sezione…

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL…

    Corte di Cassazione, Sezione 6 Civile, Ordinanza 24 aprile 2013, n. 10021

    REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO…

    +-
Menu
Federproprietà AbruzzoCambio di Destinazione d'UsoCorte di Cassazione; Sezione III Penale, Sentenza 18 maggio 2011 n. 36282

Corte di Cassazione; Sezione III Penale, Sentenza 18 maggio 2011 n. 36282

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FERRUA Giuliana – Presidente - Dott. FIALE Aldo – Consigliere - Dott. MULLIRI Guicla – Consigliere […]

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. FERRUA Giuliana – Presidente -
Dott. FIALE Aldo – Consigliere -
Dott. MULLIRI Guicla – Consigliere -
Dott. SARNO Giulio – Consigliere -
Dott. ANDRONIO Alessandro – est. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Firenze;

nei confronti di:

T.E., nata a (OMISSIS);
S.G.P., nato a (OMISSIS);

avverso l’ordinanza del Tribunale di Firenze del 6 ottobre 2010;
sentita la relazione del consigliere dott. Alessandro M. Andronio;
sentito il pubblico ministero nella persona del sostituto procuratore generale, dott.ssa Fodaroni Maria Giuseppina, che ha concluso per l’annullamento con rinvio dell’impugnata ordinanza.

Fatto

1. – Con ordinanza del 6 ottobre 2010, il Tribunale di Firenze, decidendo sull’appello del pubblico ministero, ha confermato l’ordinanza del GIP dello stesso Tribunale con cui era stata rigettata l’istanza di sequestro preventivo proposta dallo stesso pubblico ministero in relazione ad una ipotesi di abuso edilizio consistente nel cambio di destinazione di uso di un garage e nella realizzazione di una tettoia.

2. – Avverso tale ordinanza, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Firenze ha proposto ricorso per cassazione, chiedendone l’annullamento e lamentando, con unico motivo di impugnazione, la carenza di motivazione quanto alla ritenuta insussistenza delle esigenze cautelari, sul rilievo che le opere realizzate provocherebbero un aggravamento del carico urbanistico.

Diritto

3. – La doglianza è fondata e deve essere accolta.

Il Tribunale motiva il rigetto del ricorso del pubblico ministero in base alla considerazione che il mutamento di destinazione del garage ad abitazione non crea un aggravamento del carico urbanistico, perchè non è stato realizzato per accogliere un nuovo nucleo familiare, ma è semplicemente finalizzato all’uso degli stessi indagati, che già occupano l’appartamento sovrastante.

L’assunto del Tribunale non è condivisibile.

4. – La giurisprudenza di questa Corte ha più volte affermato la legittimità del sequestro preventivo di un immobile nel quale risultano realizzate opere interne che abbiano comportato il mutamento della destinazione d’uso, perchè tale mutamento integra di per sè un aggravamento del carico urbanistico (ex multis, Sez. 3, 19 aprile 2007, n. 22866; Sez. 4, 9 luglio 2010, n. 34976). Ciò che importa, infatti, non è l’intenzione dei proprietari di destinare l’immobile abusivamente modificato ad accogliere un ulteriore numero di persone, perchè tale intenzione è meramente soggettiva e, perciò, irrilevante. E’, invece, determinante l’oggettiva idoneità dell’immobile stesso ad ospitare più persone, perchè tale idoneità è potenzialmente sufficiente a realizzare un maggiore carico sui servizi comunali, quali – ad esempio – acqua, elettricità, gas, viabilità.

Tali principi regolatori della materia vengono in rilievo anche nel caso di specie, con la conseguenza che il Tribunale non avrebbe dovuto escludere a priori la sussistenza dell’aggravamento del carico urbanistico sul semplice e indimostrato rilievo della destinazione soggettiva dell’immobile, ma avrebbe dovuto fornire un’adeguata motivazione circa l’idoneità oggettiva dei mutamenti realizzati a determinare un tale aggravamento.

4. – L’ordinanza impugnata deve dunque essere annullata, con rinvio al Tribunale di Firenze perchè provveda ad un nuovo esame, facendo applicazione dei principi sopra enunciati.

P.Q.M.

Annulla l’ordinanza impugnata, con rinvio, per nuovo esame, al Tribunale di Firenze.
Così deciso in Roma, il 18 maggio 2011.
Depositato in Cancelleria il 6 ottobre 2011.

Lascia un commento

Inserire un commento

Inserire un nome

Inserire un'email valida

CATEGORIE

Contatti

Tel: 0857993239

Fax:085/7992969

Cell:3383966800

Mail:segreteria@federproprietaabruzzo.it

Indirizzo:Corso Umberto I 423 Moltesilvano(Pescara)

twitter